Le criptovalute sono denaro virtuale composte da blocchi di bit a cui corrisponde un certo valore in reale denaro.

Il mining (o creazione) è il modo utilizzato dalle criptovalute per emettere moneta. La rete della criptovaluta memorizza le transazioni all’interno di
strutture di dati chiamate “blocchi”. Affinchè un blocco possa essere aggiunto alla catena dei blocchi (chiamata blockchain), ovvero all’enorme database
pubblico contenente tutte le transazioni in bitcoin, è necessario che un elaboratore lo “chiuda” trovando un particolare codice, che può essere unicamente
azzeccato a furia di tentativi e algoritmi matematici. Questa operazione richiede un certo livello di potenza da parte di un computer, ma una volta fatto
il blocco si cristallizza, impedendo qualsiasi modifica futura, e chi trova tale codice è ricompensato con una certa quantità di criptovaluta.

crypto-currency-convention-new-york

Per minare criptovalute bisogna utilizzare degli algoritmi, e questa è l’unica cosa che differenzia le criptovalute. Esistono molti algoritmi ma i più
famosi sono sha256 (bitcoin) e scrypt (litecoin e dogecoin).

La prima criptovaluta

Bitcoin è stata la prima criptovaluta, fu descritta per la prima volta nel 1998 da Wei Dai, suggerendo l’idea di una nuova forma di denaro che usa la
crittografia per controllare la sua creazione e le transazioni, piuttosto che un’autorità centrale (lo stato solitamente). Le prime specifiche di Bitcoin e
l’esposizione dell’idea furono pubblicate nel 2009 da Satoshi Nakamoto. Satoshi lasciò il progetto alla fine del 2010 senza rivelare molto di se stesso. La
comunità è cresciuta in modo esponenziale con molti sviluppatori che lavorano su Bitcoin.

bitcoin_logo_horizontal_dark-4800px

L’anonimato di Satoshi spesso ha sollevato preoccupazioni ingiustificate, alcune delle quali sono legate a incomprensioni sulla natura open-source di
Bitcoin. Il protocollo e il software Bitcoin sono stati pubblicati e qualsiasi sviluppatore in giro per il mondo può creare la propria versione modificata
del software Bitcoin.

I wallet e i siti di exchange

I wallet sono un’applicazione per cellulare, tablet o un programma per computer che fornisce un portafoglio personale per accedere ai vari tipi di
criptovaluta (esiste un wallet per ogni criptovaluta), e consente ad un utente di inviare e ricevere un certo numero di criptovaluta. Quando un utente
perde il suo wallet, questo comporta rimuovere il denaro dalla circolazione, quindi è bene fare spesso backup e soprattutto dopo grandi scambi di
criptovalute.

E’ possibile anche conservare i propri coin in wallet online, protetti da password e sistemi di sicurezza avanzati.

cattura

Diversi mercati offrono anche la possibilità di scambiare fra loro le criptovalute e vengono chiamati exchange. Solitamente in questi mercati, il Bitcoin è
la valuta di riferimento, ma anche il Litecoin comincia ad essere un riferimento importante.

Questi mercati consentono di fare trading con le criptovalute, dando l’opportunita di aumentare le proprie somme.

Alcuni exchange: https://poloniex.com/https://novaexchange.com/https://bter.com/https://bittrex.com/

j1kbu9j

1 commento. Nuovo commento

[…] ( non sai cos’è? leggi questa guida che ti spiega cosa sono i bitcoin e i wallet -> qui  ) inserite la password del vostro account ( che verrà generata automaticamente dal sistema, […]

Rispondi